La volontà di sperare.

Ci sono quelle delusioni per cui versi un sacco di lacrime, e poi ci sono quelle delusioni per cui vorresti versarne ma non riesci. Queste ultime sono quelle infime che non digerisci, che ti rimangono sulla bocca dello stomaco facendoti provare un senso di nausea e la sensazione della punta delle dita addormentate. Queste ultime sono quelle che vorresti dimenticare e che invece, per prime, si annidano nella tua mente prendendone sempre di più il possesso. Queste ultime sono quelle che si nutrono di tutte le energie, di tutti i muscoli, della carne, dello scheletro e ti lasciano solo il cuore, lì a cielo aperto, senza più nient’altro. 

A queste delusioni si può porre rimedio?

Annunci

All’alba.

Sola, come sempre. Alla ricerca dell’amore che ho tanto desiderato, che ho tanto pensato di stringere sul mio petto e che ho tanto creduto di aver perso.

Essere presa per mano, non chiedo altro, perché ogni tanto vorrei poter non pensare alla strada da percorrere, vorrei potermi lasciar guidare.

Le mie energie si vanno disperdendo nel tentativo di trovare la parte dell’asfalto non sconnesso. Continuo a inciampare per guardare ciò che ho davanti, senza osservare ciò che sto calpestando o ciò che invece sta calpestando me.

Fino a che avrò fiato in corpo continuerò a inciampare, cadere e rialzarmi con la speranza che qualcuno, un giorno, possa cadere e rialzarsi con me.

Appuntamento mancato. 

Ancora una volta sola.  Avvolta nell’incertezza della speranza, avvolta nella certezza del dolore. 

Vorrei solo non sentire niente, non sentire quel tuo graffio affondare prima nella carne e poi nel cuore.

Vorrei solo non sentire più le mie guance bagnate delle lacrime che scendono per te, senza che io possa fermarle né occultarle. 
Colore di un giorno che non c’è più e che ora dubito sia mai esistito, ora hai tinto tutto di nero, tutto di amaro. 

Ti odio per avermi fatto questo. 

Ti odio per non averci provato. 

Ti odio perché anche se ci provo con tutte le forze non riesco a odiarti. 

Ti odio perché hai intriso di ricordi i miei giorni e poi li hai accartocciati e buttati come fosse niente.

Ti odio perché, se mai tornerai, non saprò dirti di no. 

Allo scoccare della mezzanotte. 

Tutto il giorno aspettando. Aspettando te, un tuo messaggio, una tua parola, una tua carezza. Aspettando te, che mi rendi principessa ogni volta che mi guardi. 

Tutto il giorno aspettando.  Aspettando te che sei lontano, che mi hai fatto sognare cose che non avevo nemmeno mai desiderato. Aspettando te che mi hai promesso di essere il mio futuro. 

Tutto il giorno aspettando. Aspettando te nel silenzio. Aspettando te nel caos delle domande in cui mi hai lasciata. 

Tutto il giorno aspettando. 

Non una parola, non un segno, e io sempre attendo…

Domani

Forse

Andrà meglio. 

Tiempo para hacer sueños 

Hay algo para vivir

Ahora sì 

Ahora que te tengo entre mis brazos

Ahora que me pierdo en tus besos 

Hay algo para disfrutar

Hoy

Hoy que por arte de magia nos encontramos

Hoy que por la calle vamos mano en la mano 

Tu cuerpo y el mío juntos, cruzados

Tu ànima y la mía unidas, conectadas

Así es

Amor iracional

Amor descuidado

Sueño loco de un amor prohibido. 

Storie infinite. 

Dovresti concederti una pausa ogni tanto

Una pausa dal tuo continuo tormentarti. 

Hai capito la strada per liberarti dalle tue angosce ma hai paura di intraprenderla. 

La tua indecisione ti fa stare male ora e si approprierà della tua anima poi. 

Viaggi in uno stato di costante ansia incompiuta e non cogli il rischio di sbagliare. 

Per una volta prova ad amarti

Per una volta prova a perdonarti. 

Sii te stesso 

Senza paura, senza rimorsi. 

Costruisci le tue certezze buttandoti nelle tue incertezze. 

Odore di bruciato. 

2 anni fa non avevo che lui…  È vero ci siamo allontanati, abbiamo litigato per tutta una serie di motivi che, oltrettutto, non avevano per nulla senso. 

Il punto è questo, fino a questa mattina avevo la certezza che lui fosse qui e che, magari anche dopo anni, saremmo tornati come prima. Oggi posso dire che invece non è cosí… Odio il fatto di non averlo nemmeno salutato. 

Lo vedevo ogni giorno, sacrificavo cose, alle volte importanti, per stare con lui e questo non gliel’ho mai detto. 

Cosí, dopo averci litigato, non ho mai voluto condividere il mio dispiacere, semplicemente per non doverlo affrontare. 

Ora se n’è andato e l’opportunità di svelargli tutti i sottointesi che ho tenuto per me se n’è andata con lui… quante persone dovrò perdere lungo il percorso ancora? E dopo quante riuscirò a capire come dimostrare ciò che provo nel momento in cui lo provo? 

Le persone se ne vanno. 

Io invece sono qui

Ferma 

Ad annusare l’odore di bruciato che hanno lasciato.